Affido: una famiglia più grande

I bambini: tutti i nomi

Luca, Lara, Silvia – il primo ha un anno, la seconda sei, la terza dieci. Hanno bisogno di abbracci, gioco, sorrisi, carezze, sguardi, regole, di qualcuno che li aiuti a crescere più sicuri e che li sostenga quando ci sono i compiti da fare, quando si sentono tristi e soli. Ne hanno bisogno perché le loro famiglie, per varie ragioni, non riescono a offriglierli. La vita, a volte, non è facile.

L’affido famigliare: non una questione di numeri

Potresti essere tu a prenderti cura di Luca, Lara, Silvia grazie all’affido famigliare. Tu single, tu coppia, tu famiglia – non importa l’età, non importa se con figli o meno, se sei sposato o meno.

Le parole per dire affido

Affido significa prendersi cura di un bambino o di una bambina, ogni giorno, a casa vostra, per un periodo più o meno lungo, finchè non potrà tornare a casa. Significa cucinare, accompagnare a scuola, vestire, consolare, sgridare. Insomma significa vivere insieme, stare insieme, allargare il nucleo famigliare, renderlo più flessibile. L’affido è un incontro, un’esperienza che fa crescere, che allarga le prospettive su di sé e sul senso di famiglia. L’affido costa impegno, tocca in modo profondo la tua esistenza e quella dei tuoi figli.

Vedo doppio: il percorso dell’affido

L’affido significa collaborazione e relazione continue con la famiglia del bambino. Significa condividere con la famiglia, in modi e tempi diversi, la crescita, l’educazione e lo sviluppo affettivo del bambino. L’affido significa essere genitori con e non essere genitori di. L’affido significa essere accompagnati da un’equipe che sostiene, guida, verifica e mette in relazione le due famiglie. L’affido non è un’adozione. L’affido prevede che il bambino torni alla sua famiglia.

Noi: tessitori di fili

Siamo un’equipe composta da un assistente sociale, una psicologa e un gruppo di educatori professionali. Lavoriamo in quello che viene chiamato Ambito di Dalmine, un territorio di 17 comuni che si sviluppa attorno al Comune di Dalmine.   Ci occupiamo di relazionarci con le istituzioni, di assistere le famiglie che vorrebbero diventare affidatarie a essere consapevoli di ciò che rappresenta. Ci occupiamo di capire quale bambino possa andare bene per un certo contesto, di aiutare lui, la sua famiglia e quella affidataria con la stessa cura e dedizione.

Diamoci una mano 

Se vuoi saperne di più, se vuoi iniziare il percorso per diventare famiglia affidataria, se non sei tu quello che può farlo, ma conosci qualcuno che potrebbe o vorrebbe, aiutaci a diffondere queste informazioni, aiutaci a dare una prospettiva ai bambini e alla famiglie che ne hanno bisogno, aiutaci a far crescere il numero di famiglie affidatarie.